Passa ai contenuti principali

Segnaposto e Sacchetti per bomboniere

Segnaposto e Sacchetti per bomboniere – Cenni Storici Nasce probabilmente in Francia nel secolo XVIII la bomboniera. Nata per racchiudere “bonbon” questa scatolina preziosa piena di dolcetti veniva portata e tenuta gelosamente dalle signore nelle proprie abitazioni. Creata per farsi ricordare e di buon augurio la bomboniera prese poi forme diverse. Ciotoline, coppe, tutte pronte a racchiudere dolcissime golosità. Si diffuse velocemente l’idea di lasciar un ricordo e la bomboniera perse nel tempo la sua forma contenitiva diventando semplicemente un oggetto che ricordava il felice giorno di persone care. Fatta di materiali di vario tipo, dall’argento massiccio al vetro, se ne trovano un’infinità di modelli e tipologie. Piccole e preziose quelle d’argento, limoges, cristallo, porcellana. Più d’effetto quelle in vetro e ceramica e non ultime ma usate soprattutto per cerimonie diverse dal matrimonio quelle in resina. Ultimamente in Italia per i piccoli oggetti si tende ad escludere la scatola appoggiandoli ove sia possibile su grandi sacchetti di stoffe pregiate. Le accompagnano confetti di tantissimi tipi e gusti. Il più usato ed indicato al matrimonio è sicuramente quello alla mandorla che regala un gusto raffinato al palato. Più divertenti e spiritosi i confetti a gusti come il limone, la fragola, il cioccolato e quelli colorati o con nocciole che ben si adattano a cerimonie originali. Nel tempo si è presa l’usanza, soprattutto nelle cerimonie come il matrimonio, di lasciar uno o più confetti sul tavolo come ringraziamento ad ogni commensale accompagnato da un piccolo bouquet o nastro o sacchetto per confetti. Questo usanza non poco suggestiva crea sul tavolo una decorazione un’uniforme ed elegante che lascia spazio alla fantasia con innumerevoli creazioni. Fiocchi, mazzolini, fiori di stoffa, piccoli oggetti su un sacchetto, delicati nastri riescono a dare insieme ai fiori del tavolo un’effetto davvero sorprendente. Da non dimenticare che vanno sempre accompagnati al tovagliato e ai fiori del centro tavola per non creare disarmonia. Devono essere consoni all’ambiente (villa, agriturismo, ecc.) e alla cerimonia (elegante, originale, informale) nonché dove possibile al colore dei nastri e fiori usato per le bomboniere. Per questo molto spesso il lavoro dello staff di Piccoli Pensieri è quello di creare segnaposto e confezioni bomboniere che ben rappresentino la cerimonia e che diano a quel giorno uno stile ben definito, uno per ogni sposa, uno per ogni evento. Il nostro lavoro nasce come frutto di passione di anni per la decorazione e la ricerca del particolare. Abbiamo selezionato nel tempo piccoli oggetti per bomboniera difficili da chiudere in un cassetto tanto son delicati e belli, romantici e divertenti segnaposto, sacchetti raffinati e colorati, piccoli omaggi che hanno del prezioso sia nella fattezza che nella confezione. Amiamo la qualità che non ha sempre un costo elevato. Spesso ci sono soluzioni raffinate e di grande effetto per tutti i tipi di spesa. All’interno della Maison Bleu a Colleferro sono presenti molti di questi articoli, e molti modi di presentarlo, e molti ancora ne inventeremo per rendere il giorno del tuo matrimonio un giorno unico! Segnaposto e Sacchetti per bomboniere - http://www.piccolipensieri.info/

Commenti

Post popolari in questo blog

L’INCONTRO DEI SOGNI - Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea

dal 6 al 20 settembre 2008
presso Sala d'Arte Arca dei Folli

A cura di Sabrina Falzone,
Critico e Storico dell’Arte

Con il Patrocinio della Provincia di Ascoli Piceno, del Comune di Cupra Marittima e della Pro Loco di Cupra Marittima

Espongono gli artisti:
Silvia Baglioni, Alessia Brozzetti, Amy Cohen Banker, Paola Colleoni, Albina Dealessi, Federica Focante, Yarek Godfrey, Lorella Libralesso, Nemo, Claudia Piccoli, Jeannette Rutsche Sperya, SilverArt, Enrico Thanhoffer, Eugenio Vignali, Giovanni Vuolo

Presentazione critica di Sabrina Falzone

A Cupra Marittima un progetto culturale dedicato al tema del sogno prende vita con artisti provenienti da tutto il mondo per un inedito confronto interculturale. L’esposizione intitolata "L’incontro dei sogni" è patrocinata dal Comune di Cupra Marittima, dalla Provincia di Ascoli Piceno e dalla Pro Loco di Cupra Marittima, nonché curata dallo storico dell’arte Sabrina Falzone ed organizzata dall’Associazione Artistico-Culturale L’Arca dei F…

RUMORI E SILENZI DELL’ANIMA

Esposizione Internazionale d'Arte Contemporanea

dal 4 OTTOBRE al 4 DICEMBRE ‘08

INAUGURAZIONE 4 Ottobre ore 18,30
Presso il Jolly Hotel Ligure
Piazza Carlo Felice 85, TORINO

Presentazione critica di Sabrina Falzone,
Critico e Storico dell’Arte

Ospiti d’onore: Antonella Iozzo critico di BluArte e
Nadia Presotto giornalista del Corriere dell’Arte

Espongono:
Francesca Agovino, Georgia Alloro, Raffaella Bellani, Fabrizia Caleari, Kiara Carbone, Amy Cohen Banker, Antonio Crepaldi, Albina Dealessi, Francesca Della Monica, Andrea Erdas, Maria Gerardi, Gloria Giovanella, Marco Graglia, Lorella Libralesso, Donato Lotito, Giovanni Prato, Nadia Presotto, Davide Profilo, Roberto Dario Rivoira, Andrea Ruscitto, Marco Scaletti, Simone Viani, Eugenio Vignali, Agnés Weber

Artenuova, in collaborazione con Artigianando nell’Arte, presenta una nuova rassegna di arti visive a Torino, interamente dedicata al tema dell’anima.
Il critico d’arte Sabrina Falzone, la mente del progetto espositivo, ci spiega che "…

E-commerce ...nessuna falsa promessa

In un mercato commerciale dettato da regole ormai frenetiche, e da prezzi abbattuti per accaparrarsi una vendita in più, ci si chiede se valga la pena di rischiare di aprire un attività commerciale. beh...bella domanda, sicuramente il "Negozio su strada", è un rischio grosso, l'allestimento del negozio, tra bancone, scaffalature, vetrina, moquette o parquet, impianto elettrico, senza considerare le varie spese di gestione quali telefono, connessione dati, acqua e..... aspetta un po ! ... ma c'è pure l'affitto, ahh è vero quello si bisogna considerarlo, e il condominio? si certo anche quello ..... no un negozio non lo apro, e se poi non vendo?

Scusate l'ironia, ma ormai con questi tempi di vacche magre non è facile pensare di investire denaro su un negozio se non sei assolutamente certo che le cose poi vadano come devono andare, e allora che si fa? lasciamo perdere tutto? abbandoniamo il progetto?

No! ... Secco deciso, lo sai che faccio? apro un negozio online …