venerdì 14 marzo 2008

Turismo nel Salento

In questi ultimi anni l’incremento turistico nel Salento, e andato man mano ad aumentaregrazie alla bellezza dei paesaggi, allo splendore delle sue coste, alla calorosità degli abitanti.

Gallipoli oggi ha una vocazione fortemente turistica.Ma tanti sono i luoghi d’interesse a partire dalla fontana greco-romana che s’incontradopo il ponte che divide la città nuova dal borgo antico.

Il borgo è circondato da mura che scendono fino al mare.Nel centro s’incontra la Cattedrale di Sant’Agata edificata in stile barocco. Altre chiese sono S. Domenico al Rosario, S. Teresa D’ Avila, S. Francesco di Paola e S. Chiara.Più a nord abbiamo Lecce, la ‘Firenze del sud’, con le sue chiese barocche,il duomo, l’anfiteatro romano, i caratteristici vicoli e le corti del centro storico.

Lecce e’ una città ricca di risorse, basti pensare, al teatro ed alla musica solo per citarne alcune, ma soprattutto è dispone un patrimonio artistico ed architettonico.
E’ sufficiente passeggiare per le vie del centro storico per rendersi conto di come negli anni, non sembra avere avuto modificazioni.

Da visitare Piazza dl duomo, piazza santo oronzo, l’anfiteatro Romano, porta Napoli, e tanti altri.
Nell’estrema punta a sud della nostra terra c’è Santa Maria di Leuca, ‘la città bianca’, con le sue grotte, il suo Santuario, e la cordialità dei sui abitanti.
Uno dei posti piu’ invitanti del salento, Santa Maria diLeuca è nota soprattutto per il Capo una località che divide il mare Jonio dall’Adriatico.
Il monumento più importante da visitare è il Santuario di Santa Maria di Leuca, risalente al primo secolo dopo Cristo, situato nella parte alta della città, dove, percorrendo una lunghissima scalinata porta nel piazzale antistante al Santuario.
Da questo piazzale inoltre si può notare lo scenario della costa vista dall’alto, e in determinate condizioni climatiche, le montagne dell’ Albania.

Sulla costa adriatica, c’è Otranto, ‘la porta d’oriente’, con il suo castello fortificato, e la sua cultura che risente ancora oggi, dell’influenza dei popoli orientali che per anni in passato l’hanno vista protagonista.

La visita della città può partire dalla zona turistica del lungomare da dove per una porta si accede al borgo antico.
Gioiello di Otranto è la Chiesa bizantina di San Pietro risalente al IX secolo che custodisce preziosi affreschi.
Da visitare anche la Cappella dello Spirito Santo o della Madonna dell’Altomare ed il Santuario di S. Maria dei Martiri, dove 800 otrantini furono decapitati dai turchi nel 1480.

http://www.salentoalmare.com/

Nessun commento: